Manifesto della libertà

Sono nato Italiano, sebbene potessi nascere Cinese, Afgano, Russo, Palestinese, Americano, Congolese, Iracheno o Argentino.

Sono nato bianco, sebbene potessi nascere nero, giallo, latino o di origini miste.

All’atto della nascita sono stato battezzato Cattolico, sebbene potessi esser cresciuto secondo le usanze Buddiste, Musulmane, Ebraiche, Evangeliche, Scintoiste o Animiste. Sono poi diventato Ateo in quanto ho scelto io stesso di diventarvi.

Sono nato eterosessuale nonostante potessi nascere omosessuale, bisessuale, ermafrodita o eunuco.

Sono nato con due gambe e due braccia, nonostante potevo nascervi senza. Posso camminare e correre, ma potevo ugualmente vivere su di una sedia a rotelle.

Sono nato con buona vista ed udito, sebbene potessi nascere senza l’uno, l’altro o entrambi.

Non ho scelto nulla di quanto è accaduto all’atto della mia nascita, per cui non ho alcun merito o vergogna per quanto sia accaduto e questo è vero per ogni altro essere.

Come ogni altro essere umano, ho la possibilità di compiere le mie scelte ed il diritto di giudicare se quanto mi sia stato insegnato sia giusto o meno. Di conseguenza, ho il diritto di rifiutare qualunque cosa mi sia stata insegnata qualora questa non faccia parte del mio modo di essere o di quel che senta dentro di me.

Per questo motivo, mi sento fiero di appartenere a qualunque nazione al mondo in cui sia possibile votare liberamente e che consenta di esprimersi liberamente senza temere di essere repressi.

La mia razza è quella che lotta per la giustizia, qualunque sia il colore della pelle o la nazionalità fisica dei propri cittadini.

Provo un profondo rispetto per qualunque religione che rispetti e tuteli gli altri, in quanto poteva essere la mia religione.
Provo un profondo rispetto per ogni sesso che sia rispettoso degli altri, in quanto poteva essere il mio sesso.
E se mio fratello diventasse un criminale, non potrei più riconoscerlo come mio fratello. L’agente di polizia che lo arresterebbe diventerebbe mio fratello, in quanto catturare un criminale rende il mondo migliore.

Per questo motivo ritengo il razzismo il più grande errore umano: guardo con tristezza le persone che affermano di essere fieri dei propri antenati e dei loro tratti in quanto non hanno fatto altro che nascere con tali attributi, da loro mai desiderati prima della nascita.

Credo si possa essere fieri unicamente di qualcosa che si sia scelto di propria volontà e per la quale si abbia lottato.

Per questo motivo, guardo con sospetto chiunque si senta più vicino alle persone con le quali condivide caratteristiche o eredità, o che si senta di essere in debito con i propri antenati.

Non lotterei mai per difendere la terra in cui mi è capitato di esser nato: lotterei con gli abitanti di una terra che abbiano gli stessi valori che io intendo difendere.

Io vivo e lotto per la libertà di essere quel che sento di essere.

Wind e truffa relativa alla mancanza di credito (più che truffe… interruzione di pubblico servizio)

Provenendo da Vodafone, presso la quale avevo un contratto non più conveniente, chiesi a Novembre 2011, decisi di passare a Wind, chiedendo la portabilità e l’attivazione di “Wind All Inclusive”, che con 12€ al mese, e solo con la portabilità, mi forniva 400 minuti di chiamate verso tutti (tariffati al secondo!), iniziarono i primi problemi: la portabilità non avvenne in quanto rifiutata da Vodafone (il rivenditore Wind richiese il trasferimento di una ricaricabile e non di un abbonamento), e nonostante questo, il sistema continuava a riferire “in trasferimento da Vodafone”. Riassumendo, la cosa continua per due mesi, dopo diverse chiamate all’155 di Wind per richiedere lo stato della cosa ed essermi recato in tutti i centri Wind della zona; per tutto questo tempo pagai sia Vodafone che Wind contemporaneamente, per una somma di 90€ finiti direttamente e senza passare dal via nel cesso.

Finalmente, passato a Wind, scopro poi una modalità di pagamento alquanto insolita: avevo attivo “Wind Social” per poter navigare su Internet (€2.50/settimana) e “Wind All Inclusive” (12€/mese) per poter avere 400 minuti di chiamate verso tutti. Tuttavia, pur avendo acquistato e pagato completamente quella da 12€, avendo 1€ sulla scheda e pertanto non potendo automaticamente attivare Wind Social da €2.50/settimana, mi vedo scalato il credito ugualmente, che diventa quindi negativo, e che in quanto tale non mi consente non solo di navigare (certo, non ho pagato, mi sembra anche giusto… sebbene tuttavia non sia invece scontato il fatto che il credito possa diventare negativo)… ma MI VIENE IMPEDITO DI CHIAMARE, NONOSTANTE ABBIA PAGATO TALE OFFERTA.

In pratica Wind, ritenendo il cliente moroso, non solo non offre qualcosa per la quale si è pagato in anticipo in maniera non completa, ma blocca anche l’erogazione di tutti i servizi invece precedentemente pagati ed attivi.

Nel caso di “Wind All Inclusive”, pagando l’offerta, ottengo “400 minuti di chiamate da consumarsi entro il mese”. Per quale motivo quindi mi venga revocata la facoltà di usufruire di un servizio correttamente acquistato, resta una cosa tutta da scoprire.

Tale pratica, unitamente a tante altre denunciate da tanti altri clienti come “truffa” (cercate su google “truffa wind” e vedete quante ne scoprite!), sembra quindi essere un abituè di Wind che ritiene il cliente un povero pollo da spennare, fregandosene dei diritti che possa avere, e causando tra le varie cose, interruzione di pubblico servizio (http://www.professionisti.it/enciclopedia/voce/77/Incaricati-di-servizio-pubblico-interruzione), perseguibile penalmente.

Attualmente  sto valutando la possibilità di proseguire proprio mediante causa penale in quanto questa storia mi ha davvero stancato, come mi ha stancato l’approccio menefreghista di Wind verso i propri clienti.

E sì, per esser chiari, ho lasciato Wind e sono passato a Poste Mobile (basato su rete Vodafone, per i curiosi), con la tariffa “0 pensieri small”, che a fronte di €16 al mese offre 250 minuti al mese verso tutti (contabilizzati al secondo!), 250 sms verso tutti ed 1GB di internet… tutto incluso nel prezzo. Addio Wind, non è stato bello conoscerti… ma è stato VELOCE lasciarti (2 giorni lavorativi per la portabilità di Poste Italiane).

Problemi DB

Perdonate gli attuali malfunzionamenti del blog (i post ed i commenti non sono completi a causa delle lettere accentate), ed ho già verificato che il problema è dovuto alla migrazione dalla precedente piattaforma multisite di wordpress alla nuova; ho già anche segnalato il bug, ed in questi giorni conto di risolvere il problema – giusto il tempo di tornare a casa :)

Lettera aperta a Massimo Marchiori su Volunia

Permettimi di darti del tu Marchiori, in quanto la mia vuol essere una risposta alla tua lettera aperta.

Non ho tuttora ben capito il tuo ruolo in tale startup tutta italiana: affermi di far parte della direzione tecnica, la quale dovrebbe avere mansioni di responsabilità sul lavoro compiuto, ma hai rinnegato ogni responsabilità a riguardo, dicendo che il progetto ha seguito la sua strada, senza seguire i tuoi consigli.

  • Non hai ricoperto il ruolo di programmatore, in quanto hai detto “in cui io non ho inserito nessuna tecnologia semantica, nè alcuna delle idee partorite in tutti i miei anni di studio sui motori”, quindi ti sei scaricato di tutte le responsabilità riguardo il non aderire agli attuali standard di internet e quant’altro sia già stato ampiamente criticato da stampa, televisione, blog, twitter ed internet in generale.
  • Non ti sei curato della parte grafica, che invece doveva esser curata da persone con “competenze specifiche, unite ad anni di esperienza, studio e talento [...] e così non è stato fatto. Contro il mio parere.”, gettando quindi questa responsabilità sull’inadeguatezza dello staff grafico, che ha lavorato al progetto da te ideato e per il quale ricoprivi il ruolo di direttore tecnico.
  • Non ti sei occupato della parte relativa al motore di ricerca, dicendo “E – contro il mio parere – è stato introdotto nel progetto l’elaborazione di un motore di ricerca proprietario”, scaricando ulteriormente la responsabilità su chi ha fatto una simile proposta; tuttavia immagino che gran parte dell’investimento – 3 milioni di euro! – sia stato fatto proprio pensando alle enormi capacità necessarie allo sviluppo di un motore di ricerca (non ho idea di come sia possibile impegnare un simile capitale se non nell’acquisto di hardware), investimento che è stato concordato proprio con te da parte del tuo finanziatore.
  • Non hai curato la selezione del personale, da te oggi ritenuto incompetente e che non ha mai seguito quelli che sono stati i tuoi consigli e le tue idee, consigli ed idee di un direttore tecnico.
  • Non ne sei stato l’amministratore delegato, ruolo che a quanto dici non hai mai ricoperto.

Sei quindi l’ideatore di Volunia e, com’è possibile vedere attraverso giornali e televisione, colui che ha messo la faccia dietro tale progetto: ad oggi ancora non ho sentito parlare di una sola altra persona che abbia partecipato al progetto e non sia Massimo Marchiori; i ragazzi che hanno lavorato con te sembrano non avere avuto alcun merito, essendo ad oggi ancora sconosciuti ai media, ed essendo rimasti totalmente in ombra.

Tutti i meriti del successo di Volunia, da quanto posso aver letto fin’ora sono stati i tuoi. Successo che tuttavia non è giunto, ed è’ quindi giusto che adesso ti prenda parte delle responsabilità che derivano dal volersi prendere tutto il merito dell’impresa.
E tali responsabilità comprendono anche il fallimento.

Forse sarebbe stato il caso, in quanto ideatore, circondarsi di persone adeguate all’impresa e di rendersi anche un po’ più partecipi del fallimento del progetto, da te ideato e da te portato avanti. E’ bello prendersi i meriti se una cosa va bene e lavarsi poi le mani quando tutto precipita.
Purtroppo tuttavia la cosa non funziona in questo modo.

Una cosa che ho avuto modo di vedere ed è realmente mancata nella tua lettera aperta, è il concetto di umiltà. Proprio questo che mi ha estremamente deluso.
Una persona del tuo calibro che si abbassa ad incolpare chiunque gli stia attorno, bruciando il terreno – e le persone – che fino a quel momento gli son state vicine, persone che fin’ora non hai esitato a metter da parte per prenderti ogni gloria – ma che ugualmente hanno partecipato al progetto, senza pensare minimamente a citarle quantomeno, come invece vien fatto da ogni docente universitario in un ambito di ricerca.

Una cosa delle quali probabilmente non hai tenuto conto nella tua lettera è che, con la tua fama e con la pubblicità che ti sei creato attorno, adesso non ti è più possibile uscire dal recinto per galline che ti sei creato attorno (“recinto per galline” è un termine accuratamente scelto per citare una delle tue metafore), un recinto fatto di responsabilità, che sono tue e solo tue. E dietro il quale la faccia è tua e solo tua.

Oggi, visti i risultati ottenuti, e l’impegno evidentemente malriposto – sebbene non abbia dubbi riguardo il fatto che sia stato effettivamente prestato al progetto, occorreva semplicemente tacere, in quanto il principale responsabile dell’ennesima brutta figura che ci hai fatto fare, a livello MONDIALE, visto che non ti sei limitato alla sola Italia, ma hai pubblicizzato mondialmente il progetto che oggi può dichiararsi fallito.

Sì, il punto è proprio questo caro il mio Marchiori, TU oggi sei il responsabile della figura che ci hai fatto compiere mondialmente. E questa figura non è relativa solo alla tua persona, quanto all’intera Italia.

Ed io, ancora una volta, mi son visto deluso in quanto ho visto ancora una volta una valanga di soldi non destinata a 1000 studenti (3 milioni di euro sono davvero tanti per uno studente!), sparire in un fallimento durato meno di 3 mesi.

La mia delusione ed il mio disappunto nel vedere il progetto Volunia fallire, sono principalmente dovuti a questo: tanti ragazzi come me vorrebbero avviare un progetto, un’attività, accontentandosi di poco, e progetti come il tuo mi fanno unicamente provare rabbia.
Rabbia per aver messo in ridicolo noi italiani dinanzi al mondo intero, rabbia per aver visto gli ulteriori soldi sperperati in un progetto che ha visto la nascita e la morte in meno di 3 mesi. Un progetto che probabilmente con tali premesse è stato incauto far nascere.

Adesso, dopo aver provocato dispiacere, disappunto e rabbia a me ed ai tanti che credevano al progetto, a coloro che hanno collaborato nella produzione ma che mai hanno avuto la gloria o la pubblicità che hai attirato unicamente su di te… proprio su queste persone vorresti gettare del fango?

Scusami, ma questo proprio non l’accetto, e la cosa migliore che potessi fare sarebbe stato farti da parte e lasciare che altri riuscissero liddove tu hai fallito.
Ma tu non accetti i fallimenti, ed hai quindi pensato di rendere degli anonimi – perchè di anonimi si parla, essendo tu, Massimo Marchiori, al centro dell’attenzione – responsabili delle tue mancanze.

Io credo che adesso sia giunta l’ora di prendersi le proprie responsabilità e di rispondere delle proprie mancanze, accettando i propri fallimenti.

Alessio